Settimana Bianca in Val di Fassa

Il Sito dell'Associazione Camperisti di Retorbido

Settimana Bianca in Val di Fassa

Aprile 3, 2019 Uscite e Week End 0

Con le nevicate di quest’anno non si poteva pensare di rinunciare a calzare gli sci. Così un gruppetto di appassionati della nostra associazione ha deciso (senza nenche parlarne a lungo) di partire per una settimana bianca in Trentino. La scelta è ricaduta sulla Val di Fassa con la decisione di lasciare però il camper a casa. Motivo? quello di potersi muovere con più facilità verso i passi e perchè alcuni dei partecipanti non disponevano del mezzo e il desiderio era quello di stare tutti assieme. Così abbiamo deciso di affittare degli appartamenti a Pozza e vivere l’esperienza senza il nostro “guscio”.

7 febbraio 2009

Partenza ed arrivo a Pozza nel rpimo pomeriggio dopo circa 4 ore di viaggio. Salutiamo la “padroa di casa” e ci sistemiamo negli appartamenti. La giornata non è delle migliori, ha appena smesso di nevicare e ci sono ancora all’opera i mezzi spazzaneve. Approfittiamo della situazione per andare tutti ad accompagnare gli amici sprovvisti di sci ad effettuare il noleggio da Floriano, fornitore ormai di vecchia data. Subito dopo l’acquisto degli skipass passeggiata a Pozza e tutti a cena (la montagna mette appetito).

Domenica 8 Febbraio 2009

Mattina ancora cupa e ancora una nevicata. Però non ci scoraggiamo e decidiamo di sciare comunque sulle piste “facili a Pozza” per riscaldare un pò i muscoli. Il nostro coraggio viene premiato perchè smette di nevicare e possiamo sciare tranquilli chi al “Catinaccio” , chi (più legato) al campo scuola.

Lunedì 9 Febbraio 2009

Claudio e e la piccola Stefania iniziano la settimana di scuola al campo mentre si formano altri gruppetti che affrontano nuovamente il Catinaccio, salgono al Buffaure, all’Alpe di Siusi. La giornata è semplicemente fantastica, con un sole caldo ed un cielo terso che non siamo abituati a vedere da un pò di tempo. Sciamo fino a sera tardi e dopo una passeggiata a Moena rientriamo a casa a Pozza dove le nostre instancabli signore preparano una gustosissima cena che consumiamo tutti insieme a casa di Claudio e Giulia ridendo delle prodezze (e delle cadute) della giornata.

Martedì 10 Febbraio 2009

Ci svegliamo ed il cielo è plumbeo. Promette neve e la promessa viene mantenuta. Alle 9,00 comincia una nevicata “galattica”. Cosa si fa? decidiamo di stare nei dintorni e così tutti al Buffaure tranne Claudio e Stefania (a scuola) e Beatrice e Ciro che decidono per una ciaspolata sul sentiero per San Nicolò. Partenza per tutti e mentre gli altri si avventurano nella bufera di neve in quota, Beatrice e Ciro, con le racchette ai piedi si incamminano lungo il sentiero sotto la neve che scende copiosa. Appuntamento a metà dell’ultimo tratto della pista per una foto ricordo davanti alla chiesetta.

Mercoledì 11 Febbraio 2009

Finalmente il sole. Quest’oggi decidiamo di andare tutti insieme e scegliamo Bellamonte per le piste facili da affrontare. La carovana parte ed a pranzo tutti insieme al rifugio alla partenza delle piste. I più esperti fanno una puntatina sulla piste nere, mentre gli altri si dilettano con le loro evoluzioni sulle piste azzurre larghissime e assolate. Al pomeriggio, finito il corso ci raggiungono Claudio e Stefania ed è un divertimento unico a fare gare con i bambini. Al mattino, prima di andare su, Beatrice e Ciro non hanno rinunciato ad una passeggiata a piedi tra Campitello e Canazei.

Giovedì 12 Febbraio 2009

Ripetiamo l’organizzazione del giorno precedente scegliendo però le piste del S. Pellegrino. Alessio, Nicolò, Elvio, Tiziana, Fernando, Susanna e Linda si lanciano sulla Fiamme Oro, mentre il resto del gruppo, più scarsi, restano sulle fantastiche piste rosse ed azzurre del S. Pellegrino. La giornata è favolosa ma con un vento che taglia il viso e con temperature di parecchio al di sotto dello zero. Ma la neve è bellissima ed il divertimento assicurato. La salita a S. Pellegrino è stata fantastica lungo la strada infosaata tra due muri di neve alti tre metri. Alla sera riunione a cena al ristorante davanti ad un piatto di Cervo con polenta.

Venerdì 13 Febbraio 2009

La giornata è bella ma ancora più fredda di ieri. Per Claudio e la piccola Stefania è l’ultimo giorno di corso e per Stefania nel pomeriggio ci saranno le gare al campo scuola. Il Gruppone si divide ancora ed alcuni salgono su al Belvedere di Canazei, altri al Buffaure. Tutti abbiamo trovato in quota temperature tra i -18 e i -20°C. Beatrice è la prima a cedere sotto il freddo e si “rifugia” al caldo al rifugio Buffaure. Poco dopo andiamo tutti a farle compagnia a bere un bel bombardino caldo.

Al pomeriggio però non si rinuncia e Luigi, Ciro e Alessio vanno ancora a sciare sulle piste del Catinaccio. Al ritorno hanno ancora bisogno di bombardini. Alla sera festeggiamo la vittoria di Stefania che innalza la coppa della prima classificata vinta nelle gare della scuola.

Sabato 14 Febbraio 2009

E’ giunta l’ora della partenza. Caricati i bagagli in macchina si parte alla volta di casa sotto un cielo sereno e luminoso. La temperatura, alle 9,00 del mattino non è male… solo -15° e siamo a 1.300 metri di quota. La solita coda a Moena (quando completeranno la variante?) e poi la strada diventa scorrevole. Nessuno ha voglia di arrivare subito a casa con una giornata così ed allora si fa tappa a Trento, dove le Signore possono fare il loro giro per vetrine. Pranzo al ristorante davanti al Castello del Buonconsiglio e ancora passeggiata in centro prima di riprendere la macchina e tornare definitivamente a casa.

Abbiamo trascorso una settimana divertente tra amici, a dimostrazione che non è importante il mezzo con cui si sta insieme, ma esclusivamente lo stare insieme.








Lascia un commento